Milazzo 2007

Uncategorized

Anche se non ne ho dato notizia sul blog, il 22 luglio sono partito col Treno del Sole per la Sicilia, destinazione Milazzo, generosamente ospitato da Dimitri e sua mamma nella loro casetta quasi sul mare per la terza volta!

Oltre ad esserci abbuffati di pesce, granite e lasagne, siamo andati anche a Panarea, a Messina, a Novara di Sicilia, e al mare di Milazzo of course! Per non parlare della festa dell’anniversario di matrimonio e tanto altro…

Ma, come direbbe il nostro vecchio prof di filosofia Ariano, tra l’altro spesso nominato a Milazzo, "procediamo con ordine…"

Come già detto sono partito il 22 con il treno delle 17, per arrivare a Milazzo il giorno dopo verso le 9 e 30…A differenza delle volte precedenti non abbiamo incontrato problemi, solo un piccolo ritardo, ma che comunque non ha stravolto i nostri programmi! Appena arrivati alla stazione, recuperati da Pippo e Maria, ci siamo un attimo messi a posto la roba a casa e subito usciti di nuovo per andare allo Sterrantino a prendere la prima granita della vacanza: caffè e panna!

Nel pomeriggio, dopo un abbondante pranzo a casa di Maria, Pippo e Daniela, abbiamo fatto alcune spese per poter poi mangiare nei giorni a venire. Prima di cena un assaggio del mare di ponente…

Il giorno seguente si è svolto in modo simile: in un attimo di tempo in cui eravamo al porto io e Dimitri siamo andati a informarci per i traghetti per Panarea, programmata per Venerdì. Arrivati lì, scopriamo che di venerdì non ce ne sono! Decidiamo così di rimandare il tutto a lunedì.

Il mercoledì era il giorno della festa dell’anniversario: dopo la messa nel tardo pomeriggio, ci siamo fiondati al ristorante, dove ci siamo ingolfati di pesce fresco buonissimo e ci siamo scatenati sulla pista da ballo con balli di gruppo vari ed eventuali!

Tornati molto tardi a casa, pienissimi, ci siamo comunque svegliati molto presto il giorno dopo, per non perdere il treno per Messina, dove Dimtri doveva cercare delle cose nella facoltà di Giurisprudenza, mentre un suo amico doveva parlare con una prof..e nel frattempo io ho visitato l’orto botanico! Tornati nel pomeriggio a Milazzo, nell’attesa di poter andare al mare, ci siamo messi a vedere uno strano film apocalittico di stampo evangelista…una vera boiata…ma vabbè poi abbiamo recuperato col mare!

Il giorno dopo è stato piuttosto tranquillo, tra commissioni varie, mare, e uscite..

Sabato invece dopo una mattinata passata in centro a Milazzo, e dopo il pomeriggio al mare, io e Dimitri siamo andati in discoteca, tra l’altro facendo chilometri a piedi per raggiungere il Fluid non troppo distante da casa, visto che quella in cui ci avevano lasciato era diventata un posto snobbissimo…Il Fluid invece è stato bellissimo: musica di tutti i tipi, quasi messa a caso, tanta gente, tante fasce di età…

Il giorno dopo, dopo la messa, pranziamo da Maria e Pippo, che ci riempiono smisuratamente…Nel tardo pomeriggio un po’ di mare, e la sera pizzata a GianMoro, un paese vicino. Dopo la pizzata, giro in marina…

Il giorno dopo, di nuovo sveglia presto, e tour a Panarea: dopo una breve scarpinata, bagno a punta Milazzese (bellissima!) e subito dopo pranzo con arancino e the freddissimo! Ci voleva, Panarea è piuttosto montagnosa e piena di salite, e mentre Dimitri sembrava non patire fatica e caldo, io stavo sbiellando dopo 5 minuti…ancora non mi spiego come ho fatto a sopravvivere nel pomeriggio quando Dimitri, preso da uno spietato raptus da guida turistica, ha deciso che avremmo fatto il giro dell’isola attraverso i vari sentieri naturalistici…Urgh! E’ stata davvero dura (almeno per me, Dimitri sembrava decisamente tranquillo e a suo agio!), abbiamo camminato per ore tra pietre e dirupi, in mezzo ai fichi d’india, quasi senza acqua, col sole che batteva perfido, e calzature tutt’altro che adatte all’impresa! Ma almeno siamo riusciti a vedere panorami bellissimi da lassù. Siamo riusciti a tornare appena in tempo al porto per l’ultimo aliscafo! E lì assetati abbiamo incontrato un magnanimo ufficiale della Siremar che ci ha regalato una bottiglia da 2 L di acqua…ahhh sollievo…Arrivati a Milazzo siamo tornati a piedi a casa dal porto, ma ormai, dopo quel pomeriggio, la fatica non mi spaventava più. La sera però ero troppo morto per fare qualsiasi cosa…il mio piede poi agonizzava…

Il giorno seguente, però, siamo andati comunque a Novara di Sicilia, un paese in montagna pieno di ricordi per la mamma di Dimitri, una novità per me. E’ un paese molto carino e caratteristico, con un pub dove costa tutto pochissimo…ci fosse a Torino sarei sempre ubriaco lì!

Mercoledì, invece, al mattino mare e al pomeriggio topo: nel senso che è entrato un topo in casa e io e Dimitri ci siamo dovuti improvvisare ratticidi, con scarsi risultati visto che nonostante i miei colpi di scopa, sembrava al più confuso ma abbastanza veloce da nascondersi nuovamente…giunta una certa ora, abbiamo rinviato la sua morte e ci siamo preparati per andare a mangiare arancini e pizza fatti in casa da Franco e Rosaria, i signori che hanno festeggiato le nozze d’argento, e a passare la serata tutti insieme anche con Claudia, Marco (il suo ragazzo) e Francesca (sua sorella maggiore).

Il giorno dopo, giovedì, mercato e granita al mattino, e al pomeriggio bagno alla Pineta, con Marco, Claudia, Francesca, e i loro amici, e ovviamente con Pippo, Maria e Daniela, oltre a me, Dimitri e sua mamma. La sera, nonostante l’idea di vedere il Borgo, siamo andati al Washington, un locale sulla bellissima Marina Garibaldi. Unica pecca, oltre al ritardo assurdo del servizio, il mio disgustoso cocktail: colpa mia che cambio idea sempre all’ultimo!

Il venerdì, ultimo giorno, abbiamo fatto il bagno al Capo di Milazzo, in un punto bellissimo, anzi fantastico, vicino alla punta Carciofo, dove c’è una piscinetta naturale, acqua trasparente, pesci che ti nuotano attorno…un paradiso terrestre! Peccato per la nostra stupida idea di prendere i fichi d’india, che hanno appiccicato le loro spine prima sui nostri asciugamani e infine su noi! Il pomeriggio, dopo aver posizionato le trappole alla colla topicida, siamo usciti per andare al mare un’ultima volta, per me, e in seguito siamo andati a mangiare la pizza in centro. Poi, dopo aver incontrato due miei cugini della Toscana, abbiamo concluso la serata al Washington…Più o meno, visto che arrivati a casa abbiamo dovuto sbarazzarci del topo incollato in cucina, ed in quel momento faceva pietà, povero…inoltre dovevo farmi la valigia! Sono venute le 4 insomma! 

Il sabato mattina, dopo l’ultima granita e i saluti, sono andato a prendere il pullman che mi portava a Messina, e da lì quello per Catania, e infine l’aereo per Torino. Non è andato tutto liscio, ho anche rischiato di tornare chissà quando, ma alla fine me la sono cavata con un ritardo di solo 1 ora e mezza…

Ciao Milazzo, come sempre mi lasci un bel ricordo: persone, luoghi, culture, cibo…alla prossima volta!

Grazie mille a Dimitri e a sua mamma per l’ospitalità!

E presto, le foto…

Annunci

2 pensieri su “Milazzo 2007

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...