Riflessioni sulla fine e sull’inizio

Uncategorized

Ogni inizio dell’anno scrivo un post su quello passato. Stavolta ne ho poca voglia. Sarà la febbre, sarà lo scazzo…non so. Sarà che in fondo questo 2007 non riesco ad apprezzarlo, non totalmente. Perchè per quanto di cose belle ce ne siano state sicuramente, non riesco a togliermi dalla testa gli eventi e le situazioni terribilmente drammatiche avvenute quest’anno appena concluso. Cose che mettono in discussione le proprie convinzioni, la vita stessa. Troppo tristi e brutte per essere raccontate, ma inevitabili da ricordare. E così, mentre cercavo di scrivere dei messaggi di auguri per l’anno nuovo, mi rendevo conto che volevo un anno migliore di quello precedente, e che forse alla fine le cose brutte prevalevano su quelle belle. Ma poi ho capito.

Quello che mi ha consentito di capire è stato pensare ai ragazzi dei gruppi (lo so ormai sto diventando ripetitivo). Pensare al percorso fatto con loro quest’anno, dalle giornate insieme, al campo, al congresso, ha evitato la mia condanna del 2007. Ho pensato a Lorenzo, nuovo arrivato e subito integrato; ho pensato a Simone D. che ha cominciato anche un percorso con i CFP che lo ha portato a rivoluzionare la sua vita; ho pensato a Francesco, che ha abbandonato la ritrosia ed è venuto al campo ad Exilles; ho pensato a tutti quelli che hanno deciso di fare i responsabili di altri ragazzi, e anche a quelli che non lo fanno. Ho pensato che voglio bene a tutti loro. E poi ho pensato a come erano tutti 7 anni fa, quando abbiamo cominciato: qualcuno neanche c’era, e gli altri erano incredibilmente diversi da come sono ora. Poi ci sono io. Anch’io sono cambiato molto, e molto grazie ai ragazzi del gruppo. Ho tentato di superare le mie difficoltà, la timidezza, l’insicurezza, etc, e credo di avercela fatta. Sono cambiato molto anche grazie alla famiglia e agli amici, che fortunatamente mi mettono in discussione ogni qual volta sia necessario.

Mentre provavo a decidere cosa scrivere qui, mi sono venute in mente delle frasi, quasi degli slogan, che credo siano rappresentativi di ciò che penso ora….Credo

che posso farcela da solo ora, ma che con il tempo ho imparato che è molto più bello fare le cose insieme con gli altri…

che anche se non ce ne rendiamo conto, o magari ci da fastidio, c’è sempre qualcuno che ci chiama, e fa squillare il telefono…perchè ci vuole bene…

e infine, che nonostante tutto, nemmeno una terribile tempesta può cancellare una giornata di sole.

Perciò, auguro a tutti un 2008 solare, pieno di opportunità e ricco di esperienze. Auguro a chi sta male di guarire, a chi soffre di stare bene, a chi non sa cosa fare di trovare la motivazione. Auguro tante giornate di sole, nella speranza che ci siano sempre meno tempeste, al massimo qualche temporale qua e là.

Claudio

Annunci

6 pensieri su “Riflessioni sulla fine e sull’inizio

  1. Ehi… cos\’hai? Non è da te questa sensibilità spiccata! Per quanto riguarda i tuoi ragazzi sì, sei sempre stato mieloso da far nausea, ma per tutto il resto? Lo so benissimo a chi ti riferisci parlando di telefono che squilla!!!! 😉
    Ma quello che davvero mi ha fatto riflettere è la profondità così dolce, che quasi ho pianto. Cos\’hai? Cosa ti ha cambiato così tanto? In queste tue parole c\’è qualcosa di nuovo, diverso… io spero tanto sia la febbre, perchè per quanto sia bello leggere questo post, mi sembra che non l\’abbia scritto tu… non sembri tu… tutto ok?

  2. Eh eh…sapevo che ti saresti riletta nella storia del telefono…ma stavolta non è riferito a te, non solo. È una cosa successa al campo: durante la messa, c\’era il telefono che squillava in continuazione. Nessuno però ha mai risposto. Dava fastidio in fondo. Però vuole anche dire che qualcuno cercava qualcun altro, non so per cosa, ma lo cercava, voleva parlarci insieme. Credo sia una cosa bella, e per me simboleggia che nonostante tutto non siamo mai soli. Anche chi non ha amici non lo è. Non è il mio caso ovviamente, io ho voi! 🙂 e poi qualcuno fa squillare i miei telefoni a qualsiasi orario! eh eh…
    Tranquilla, lo so, forse i toni sono un po\’ malinconici, perchè in fondo è il mio stato d\’animo. Ma io non disprezzo la malinconia. E comunque non sto male, beh più o meno, continuo ad avere la febbre, ed è quasi ora dei saldi…
     
    Però ti confesso che in questi giorni sto facendo uno strano sogno, o incubo. Probabilmente è la febbre, ma sogno sempre di essere ancora a Viù al campo invernale. Solo che è tutto diverso, i colori (cupi, grigi), la casa (tutta rovinata, sembra un relitto) e il clima tra le persone (come di tensione). E poi ci sono io, nelle condizioni in cui sono ora, di estrema debolezza, incapace di gestire le situazioni, a volte di parlare, a volte di reggermi in piedi, e il sogno si conclude sempre con un bordello allucinante, e anche le persone più in gamba presenti lì sembrano non essere all\’altezza della situazione…mi sembra chiaro che probabilmente significa che ho paura di non essere in grado di aiutare gli altri, di non riuscire a gestire le situazioni un po\’ critiche…ma perchè ora? E poi, io questa paura sinceramente non la sento…non sono sicuro di me a tal punto, ma neanche così disperato! Boh…i deliri della febbre…
     
    P.S. grazie per il commento amica!

  3. è bello ke noi del gruppo riusciamo a cancellare x un attimo i brutti ricordi e portare un po\’ di sole nella tua giornata.Abbiamo passtao dei bei momenti insieme, ci divertiamo e ora, dopo tanti anni, riusciamo anke a fare i seri tutti insieme.Chissà, magari anke x me l\’animazione sarà così importante. Ho letto ora il tuo sogno…se devo essere sincera penso ke tu sia all\’altezza della situazione ,quindi nn farti troppi problemi e continua così!! ti voglio bene
     

  4. non fare brutti sogni sul campo!!
    io continuo a sognare di essere ancora là…ma per cose belle!!
    e poi te la sei cavata alla grande!!!!
    ma sono contenta che scrivi del tuo gruppo,almeno non sono l\’unica a essere mielosa (come dice claudia),visto che vi ho già annoiati al campo nelle preghiere!!…:-)
    Cmq visto che ti è passata la febbre e i saldi ci sono ancora,andiamo insieme a fare un giro?
    così mi fai vedere i negozi near la rinascente con le magliette strane e soprattutto la CINTURA di mauro!!!!!!
    e così spettegoliamo un po\’…:-)
    Baci baci (…anzi,CABI CABI)
     

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...