Perduto

Punti di vista, serie tv, spoiler

L'ultima cena di Lost

La mia passione per le serie tv americane è nota per chi mi conosce; non necessariamente è lo stesso per chi legge questo blog. A questo scopo mi “impegno” a recensire ogni tanto alcune delle mie serie preferite.
Colgo l’occasione, dunque, per parlare di Lost, prima che finisca. Già, perchè dopo tanti anni, siamo arrivati all’attesissima sesta ed ultima stagione.

Lost, recentemente proclamata da Tvblog la migliore serie tv degli anni duemila, è iniziata nel 2004, fuoriuscendo dalla mente di J. J. Abrams e da quelle di Damon Lindelof e di Jeffrey Lieber.

La trama potrebbe sembrare piuttosto semplice ed inflazionata: un gruppo di sopravvissuti ad un disastro aereo, sconosciuti tra loro, si ritrova su di un’isola tropicale, senza possibilità di comunicare con l’esterno. Ma alcuni eventi che si verificano fanno intuire che quest’isola nasconda molti segreti, e che loro stessi siano in realtà più di quello che colpisce l’occhio. Se prosegui la lettura, sappi che dopo il salto ci sono alcuni spoiler!

Ma la genialità dei creatori di Lost sta proprio nel continuo stravolgere gli eventi in modo imprevisto, attraverso una narrazione incentrata sui personaggi e sulle loro storie, mostrate grazie ad alcune tecniche cinematografiche e ad altri trucchetti (flashback, flashforward, viaggi nel tempo, realtà alternative…), che fanno sì che ogni puntata si concluda con un cliffhanger che quasi smentisce le poche cose chiare della storia. E, al di là delle tecniche, il telefilm è interessante anche sotto l’aspetto culturale.

Un cast di attori enorme per interpretare un numero enorme di personaggi, caratterizzati non a caso da cognomi appartenenti a filosofi e scienziati, tutti con qualche segreto dal loro passato pronto a sorprenderli nel presente. Venendo ad “interagire” l’uno con l’altro, i protagonisti e gli antagonisti di Lost sono portatori di diverse visioni filosofiche della vita e del mondo, di caratteri molto marcati e di interessi personali.

Uno su tutti, il mio preferito, è John Locke: uno dei primi a essere conosciuti dagli spettatori, inizialmente su di una sedia a rotelle, misteriosamente (o miracolosamente) torna a camminare, diventando uno dei perni delle vicende. Rappresenta più di ogni altra persona sull’isola l’uomo di fede, in contrapposizione con Jack, l’uomo di scienza, e sarà uno dei motori delle vicende più drammatiche e pazzesche della serie.

Dalla prima puntata è successo di tutto: orsi polari, fumo nero intelligente, omicidi, sparizioni, rapimenti, ricatti, storie d’amore, viaggi nel tempo e nello spazio, e tutto in modo pressochè inspiegato. E anche questo è un aspetto da non sottovalutare: la fantascienza, per quanto inflazionata, continua a stupire, se condita con i giusti ingredienti narrativi. Tra le teorie sulle realtà parallele e sull’elettromagnetismo, mostri di fumo e gravidanze miracolose, sbocciano e finiscono amori, si approfondiscono amicizie e vengono instaurate alleanze. In ogni caso, alla fine, niente torna allo spettatore, che continua ad interrogarsi, stimolato anche dai tanti giochi ed indizi disseminati dalla ABC su Internet. Ma ora siamo alla resa dei conti, l’ultima stagione.

I creatori di Lost hanno detto che molti misteri saranno svelati, ma anche che non tutto avrà una spiegazione. Alcune cose rimarranno enigmi (probabilmente perchè non sapevano come districarsi dalla ragnatela che loro stessi hanno creato!) e gli appassionati dovranno accettare le proprietà dell’Isola in quanto tali.

Molti interrogativi però dovranno trovare risposta. Chi è veramente Jacob? Chi è l’uomo in nero, il suo “avversario”, chiamato affettuosamente dai fan MIB, Smokey, Flocke o Esaù? Cosa ne è stato di John Locke? Perchè la sequenza numerica è così importante? Cosa rappresenta la statua gigantesca con il piede a quattro dita? Chi è Ricardus/Richard Alpert e perchè non invecchia?

Troppe domande, ma che fra poco, molto poco, avranno risposta! Non vedo l’ora…e voi?

Annunci

3 pensieri su “Perduto

  1. mììì io pure sono malato di serie amerriggane; lost su tutte. cioè giuro non sto più nella pelle, anzi mi sa che oggi mi rivedo la 5…voglio arrivare preparato

    1. Grazie per il commento innanzitutto! 🙂
      Ormai Lost è un’ossessione…sono tutti i giorni a cercare news su Lost Discovery!!!

  2. appena finito di vedere una puntata di Lost e trovo il tuo commento sul mio blog! Davvero grazie 🙂 non ho idea di come si faccia a “giocare” su perfiducia 2.0 Stiamo a vedere! ciao!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...